Organi Statutari

ASSEMBLEA DEI SOCI

L’Assemblea è convocata dal Presidente che ne fissa l’ordine del giorno in via ordinaria almeno 2 volte l’anno, in via straordinaria ogni qualvolta lo ritenga opportuno. L’Assemblea dei Soci può essere convocata anche su richiesta di almeno un terzo dei componenti dell’Assemblea.
I Soci devono essere convocati per iscritto almeno sette giorni prima della data stabilita per la riunione.
L’Assemblea è validamente costituita con la presenza della metà più uno dei membri.
Le delibere sono assunte a maggioranza semplice dei presenti qualora non sia specificata una diversa maggioranza.
I membri dell’Assemblea durano in carica finché l’Ente e/o Agenzia rimangono iscritti all’Associazione.
Ogni socio può farsi rappresentare in assemblea da un proprio delegato munito di delega scritta.
Il delegato può essere anche estraneo alla compagine sociale.
Le assemblee possono essere tenute nella sede associativa o anche altrove, nel luogo indicato nell’avviso di convocazione, purché nel territorio della Sardegna.

IL PRESIDENTE

Il Presidente dura in carica due anni e può essere confermato soltanto per un altro mandato consecutivo e ha i seguenti compiti:

  • rappresenta legalmente l’Associazione;
  • nomina all’interno del comitato direttivo un Segretario con il compito di redigere e custodire i verbali delle deliberazioni;
  • nomina un Tesoriere all’interno del comitato direttivo;
  • sottoscrive tutti gli atti che riguardano l’attività istituzionale dell’Associazione;
  • convoca e presiede le riunioni dell’assemblea e del comitato direttivo fissando gli argomenti da portare all’ordine del giorno;
  • assicura l’attuazione dei provvedimenti decisi dall’Assemblea;
  • adotta, in caso di necessità ed urgenza, decisioni di competenza dell’Assemblea, che è chiamata a ratificarle nella prima riunione.

IL COMITATO DIRETTIVO

Il Comitato direttivo è costituito da un numero di componenti non superiore a 5 eletti tra i Soci, compreso il Presidente e si riunisce ogni volta che il Presidente lo ritenga opportuno o su proposta di almeno 2 componenti del Comitato stesso.
Il comitato direttivo ha i seguenti compiti:

  • elegge il Presidente al proprio interno;
  • collabora all’attuazione degli orientamenti strategici definiti dall’Assemblea dei Soci;
  • mantiene i rapporti con gli associati;
  • predispone e promuove, in raccordo con il presidente, le azioni mirate al raggiungimento degli obiettivi sociali.

IL TESORIERE

Il Tesoriere viene nominato dal Presidente all’interno del comitato direttivo. Ha il compito di incassare e annotare su appositi registri le quote associative pervenute dagli associati, nonché eventuali altre donazioni pervenute da soggetti terzi.

Il tesoriere effettua, su mandato del Presidente, tutte le spese relative all’attuazione degli indirizzi ricevuti, preoccupandosi di conservare e catalogare, secondo principi contabili semplificati, tutti i giustificativi di spesa.
Il tesoriere presenta annualmente al comitato direttivo la situazione finanziaria dell’Associazione e relaziona su eventuali problematiche relative alla gestione amministrativa.

IL REVISORE DEI CONTI

Il Revisore dei Conti è eletto dall’Assemblea su proposta del Presidente, dura in carica due anni e può essere rieletto per una sola volta.
Il Revisore dei Conti:

  • esercita il controllo sulla gestione economica e patrimoniale dell’Associazione;
  • partecipa alle sedute dell’Ufficio di Presidenza senza diritto di voto e in caso esprime propri motivati pareri ove l’Ufficio di Presidenza lo richieda.

I PROBIVIRI

I Probiviri, vengono eletti dall’Assemblea su proposta del Presidente in numero di tre effettivi, durano in carica due anni e possono essere rieletti.
Il Probiviri hanno le seguenti funzioni:

  • verificare l’osservanza e il rispetto delle finalità associative dei singoli Soci;
  • analizzare le criticità relative ai singoli Soci proposte da altri Enti esterni o da altri Soci;
  • proporre provvedimenti disciplinari a carico dei Soci inottemperanti il regolamento interno;
  • condurre, in raccordo con il Presidente, azioni investigative finalizzare ad accertare fatti relativi ai Soci.

IL COMITATO TECNICO

Il Comitato Tecnico, qualora istituito per decisione e con voto dell’Assemblea dei Soci, è composto da tecnici esperti del settore nominati dall’Assemblea degli Enti o Agenzie associate.
Esso è convocato di norma dal Presidente che ne fissa gli argomenti in discussione.
La funzione del Comitato Tecnico è quella di istruire, su richiesta della Presidenza e dell’Assemblea dei Soci, la risoluzione di quesiti tecnici relativi al settore della formazione professionale e di definire la fattibilità operativa delle innovazioni e delle proposte elaborate dall’Assemblea dei Soci.

Pin It